ssssss Nozioni tecniche sulla programmazione ed animazione 3D dello Sri yantra THEORY – pag. 8
    8  ? gestione del testo

In­for­ma­zio­ni tec­ni­che

La ro­u­ti­ne è sta­ta pro­gram­ma­ta nel potente e veloce lin­guag­gio EU­PHO­RIA (End User Pro­gramming with Hie­rarchical Ob­jects for Ro­bust In­ter­pre­ted Ap­pli­cations – (c) 2003 Ra­pid De­ploy­ment Sof­twa­re); l´a­ni­ma­zio­ne è ba­sa­ta su ap­por­ti di li­bre­ria (by Mic, 2000­/2003 ver­sion 031022) API per Eu­pho­ria 2.1, che in­ter­facciano gli a­van­za­ti al­go­rit­mi Open GL (Open Gra­phics Li­bra­ry) del­la Si­li­con Gra­phics, Inc. ©1991-1993.
È un e­se­cu­ti­vo che non con­tie­ne in­gre­dien­ti a ri­schio: vi­rus, mal­ware o spy­ware di al­cun ge­ne­re (e come po­treb­be?); né si con­net­te ad In­ter­net. Crea solo un paio di fi­les di ser­vi­zio, per po­ter pro­se­gui­re ogni se­du­ta in base alle pre­fe­ren­ze del­l´u­ten­te.
A­vrai po­tu­to no­ta­re che que­sto si­to Web non im­po­ne cookies (lo Spi­ri­to non ab­bi­so­gna di bi­scot­ti­ni per co­no­sce­re chi lo sta scru­tan­do), non ven­de ser­vi­zi, né pro­dot­ti né pub­bli­ci­tà, pur ri­sul­tan­do quo­ta­to ne­gli anni da fon­ti au­to­no­me spe­cia­lizzate
Di­spen­sa gra­tu­i­ta­men­te il mas­si­mo re­a­liz­za­to dal­l´au­to­re – tra­mi­te un do­mi­nio pro­prie­ta­rio, non da un ser­vi­zio gra­tu­i­to – sen­za ri­chie­de­re al­cu­na i­scri­zio­ne; in ogni caso non ser­ve a far­ti ca­pi­re chi sono io, ma chi sei tu.

Allo sta­to at­tua­le gira solo in am­bien­te Win­dows™, an­che se per il Mac™ e­si­sto­no u­ti­lities atte a con­sen­tir­lo sen­za in­stal­la­zio­ni im­pe­gna­ti­ve.
Sotto Windows è sta­to pre­di­spo­sto in modo da po­ter es­se­re u­sa­to dal si­ste­ma o­spi­te an­che come scre­en sa­ver, ba­sta ri­denominare l´e­sten­sio­ne da THE­O­RY_3*.exe a THE­O­RY_3*.scr e sal­var­lo nel­l´ap­po­si­ta car­tel­la del SO Win­dows­\, per tro­va­re la qua­le nel­la ver­sio­ne del si­ste­ma in uso ba­sta cer­ca­re *.scr con Ex­plo­rer; non pos­so pre­ci­sa­re di­ret­ti­ve spe­ci­fi­che e po­treb­be es­se­re ne­ces­sa­rio ri­co­piarlo o­vun­que tali fi­les ri­sul­ti­no pre­sen­ti, ma non si cor­re al­cun ri­schio. Poi va se­le­zio­na­to o at­ti­va­to per le fa­si di pa­u­sa-la­vo­ro tra­mi­te le Pro­prie­tà del Desk­top.
Il file THEORY_3rag­gi.exe con­ser­va­to in co­pia può es­se­re lan­cia­to a pia­ci­men­to da qua­lun­que pun­to del di­sco.

Esso trae o­ri­gi­ne dal trac­cia­to fi­na­le del gra­fi­co e­se­gui­to dal pro­gram­ma THEORY, [full, best] cioè non in boz­za ma alla mas­si­ma pre­ci­sio­ne, an­che ­con i pa­ra­me­tri sta­bi­li­ti dal­l´u­ten­te. Non ap­pe­na com­ple­ta­to il cal­co­lo in base al nu­me­ro di ci­fre de­ci­ma­li ri­chie­sto, la fi­gu­ra com­pa­re in mo­vi­men­to in una fi­ne­stra ri­dot­ta e ri­di­men­sio­nabile sul­lo scher­mo e può es­se­re salvata in una Gal­le­ria sul di­sco, ac­ces­si­bi­le an­che al­l´ap­pli­ca­ti­vo THEORY_3rag­gi.exe per pre­fe­ri­re un mo­del­lo al­l´al­tro.
L´ap­pli­ca­ti­vo par­te i­ni­zia­liz­za­to con una so­lu­zio­ne ba­sa­ta sul tri­an­go­lo Au­reo, da più par­ti con­si­de­ra­to come pie­tra mi­lia­re del­la fi­gu­ra, ec­heg­gian­do la se­zio­ne del­la Pi­ra­mi­de di Giza; ma so­prat­tut­to dopo es­se­re sta­ta svelata la na­tu­ra di vero tri­an­go­lo Au­reo a mio av­vi­so prio­ri­ta­ria, in quan­to de­fi­ni­sce con la sua tri­pli­ce tan­gen­zialità i cer­chi con­cen­tri­ci con dia­me­tri in pro­gres­sio­ne di Se­zio­ne Au­rea, che ca­rat­te­rizzano con im­man­ca­bi­le e­vi­den­za – come si evidenzia a pagina 5 – le cer­chie for­ma­te dai 43 tri­an­go­li, fino a giun­ge­re dalla circonferenza esterna ad un quin­to cir­co­lo cen­tra­le che de­li­mi­ta dal­l´in­ter­no la quar­ta fa­scia e rac­chiu­de il cuore pulsante di quel tri­an­go­lo sin­go­lo, che non e­si­to a de­fi­ni­re ‘chia­ve di vol­ta’ di tut­to il si­ste­ma.
Chi pos­sie­de l´ap­pli­ca­ti­vo THEORY ed ha e­la­bo­ra­to un pro­prio yantra, po­trà ca­ri­ca­re e ve­der ruo­ta­re per la sua me­di­ta­zio­ne que­sto suo al po­sto del pri­mo, ca­ri­can­do­lo dal­la Gal­le­ria in cui può sal­va­re tut­ti quel­li che spe­ri­men­ta nel for­ma­to ot­ti­miz­za­to.

Un menu di op­zio­ni sem­pre pre­sen­te da clic-de­stro in qua­lun­que pun­to del­la fi­ne­stra of­fre al­cu­ne va­rian­ti alla ri­pro­du­zio­ne, come im­per­cet­ti­bi­li to­na­li­tà di sfon­do: Ne­ro, Ros­so scu­ro, Blu scu­ro, Ver­de scu­ro; "Strut­tu­re in fi­gu­ra pie­na" o "Strut­tu­re in pro­fi­lo"; ef­fet­to "Spa­zio pie­no (neb­bio­so)" [lo ve­drai re­gi­stra­to per lo sfon­do], "Spa­zio pro­fi­la­to in li­nee" che pro­iet­ta in co­or­di­na­te cur­ve una sor­ta di pa­no­ra­ma stel­la­re, "Spa­zio non vi­si­bi­le"; di­men­sio­ne "a tut­to scher­mo [In­vio]", a "ri­du­zio­ni pre­fis­sa­te (300,400) [Bar­ra]", "zoom nu­me­ri­co del­lo Yan­tra", "( va­ria­zio­ne di­stan­za, da ta­stie­ra: [] ­/ [+] )" ed al­l´a­ni­ma­zio­ne con "Strut­tu­re in fi­gu­ra pie­na" o "in pro­fi­lo", "vi­sta di Cor­ni­ce e Pe­ta­li", "al­ter­nan­za Sri­Yan­tra in Oro­/Ar­gen­to".
Per un fer­mo-im­ma­gi­ne sen­za do­ver a­pri­re un menu, man­tie­ni clic­ca­to il cur­so­re sul bor­do del­la fi­ne­stra.
"L'Axis Mun­di nel­lo Spa­zio" e­mu­la in una li­nea sot­ti­le il fuso gra­vi­tativo del­l´in­te­ro u­ni­ver­so; "L'Oc­chio­~Uo­vo (il Mon­do)" cioè tu, il cre­a­to, il me­glio di te: è un'ag­giun­ta che può ri­ve­lar­si pre­zio­sa per me­di­ta­re, con la for­ma fles­si­bi­le di un o­vo­i­de dal pro­fi­lo per­fet­to, la cui con­cre­tez­za si fon­de con la ma­e­sto­sa tra­spa­ren­za del­l´e­te­reo; è il­lu­mi­na­to dalla luce pe­ren­ne di 3 sot­ti­li Raggi in mo­vi­men­to nei colori fondamentali Ros­so, Ver­de, Blu, sor­gen­ti da un u­ni­co ‘Pun­to’ e­ster­no, che a loro vol­ta van­no guar­da­ti e se­guì­ti, per l´in­ci­den­za de­ci­si­va del­le loro luci sul­lo sce­na­rio.
Nel men­tre, un'om­bra nera, ir­re­go­la­re e non gra­de­vo­le si muo­ve, ap­pa­re e si oc­cul­ta die­tro la sua fi­gu­ra e­le­gan­te, so­prat­tut­to quan­do lo spa­zio è in as­set­to de­nso, neb­bio­so e ri­flet­te la lu­ce co­me uno sce­na­rio tra­slu­ci­do la cui pro­fon­di­tà è qua­si per­cet­ti­bi­le. È lo Sfi­dan­te, l´av­ver­sa­rio, il peg­gio di te, il tuo lato o­scu­ro; la be­stia 666 [6­+6­+6­=18, 1­+8­=9]; hai di che me­di­ta­re.

Puoi te­star­ne qua le va­rie ten­di­ne, an­che se la si­mu­la­zio­ne non ha ef­fet­to sul vi­deo.

Bene, adesso toc­ca a te:

  hai que­sta for­tu­na, non te la per­der­e! sca­ri­ca li­be­ra­men­te que­sto gio­iel­lo e pro­va­lo più vol­te, sen­za fret­ta, ma al­me­no tre mi­nu­ti al gior­no sen­za in­ter­ru­zio­ne, ma­ga­ri per ri­lassarti e li­be­rar la men­te… scegli tu la mu­si­ca di sot­to­fon­do che più ti i­spi­ra.

Quanto ad un pos­si­bi­le i­dil­lio, se ami me­di­ta­­re tra­en­do i­spi­ra­zio­ne da una li­ri­ca non pos­so che pro­por­ti, per l´ap­pun­to dal ver­san­te u­ma­no, “L'in­fi­ni­to”, che oc­cu­pa – sarà un caso? – la do­di­ce­si­ma po­si­zio­ne nei Can­ti di Gia­co­mo Le­o­par­di, e ri­guar­da giu­sto una sie­pe (rammenti lo 'Yard'?) che de­li­mi­ta e pre­clu­de all´os­ser­va­to­re la vi­sta del­l´o­riz­zon­te più lon­ta­no, ma pro­prio in vir­tù di que­sto ne pro­iet­ta lo sguar­do ver­so lo spa­zio in­fi­ni­to – ove quel li­mi­te non con­ta più – con­trap­po­nen­do­si nel­la co­scien­za l´im­pas­si­bi­le ta­ci­ta al­ter­nan­za dei ci­cli del­la vita alla sta­gio­ne in es­se­re, tan­to che il cu­o­re giun­ge a un pas­so dal pro­var pa­u­ra.

Sem­pre ca­ro mi fu que­st'­er­mo col­le,
E que­sta sie­pe, che da tan­ta par­te
De l´ul­ti­mo o­riz­zon­te il guar­do e­sclu­de.
Ma se­den­do e mi­ran­do, in­ter­mi­na­to
Spa­zio di là da quel­la, e so­vru­ma­ni
Si­len­zi, e pro­fon­dis­si­ma qui­e­te
Io nel pen­sier mi fin­go, ove per poco
Il cor non si spa­u­ra. E co­me il ven­to
Odo stor­mir tra que­ste pian­te, io quel­lo
In­fi­ni­to si­len­zio a que­sta voce
Vo com­pa­ran­do: e mi sov­vien l´e­ter­no,
E le mor­te sta­gio­ni, e la pre­sen­te
E viva, e il suon di lei. Così tra que­sta
In­fi­ni­tà s'an­ne­ga il pen­sier mio:
E il na­u­fra­gar m'è dol­ce in que­sto mare.

Una bre­ve nota, for­se non pia­ce­vole,
ma
dove­ro­sa al­me­no in que­sto con­te­sto.


Quando THEORY sta ruo­tan­do, chiu­di o ri­du­ci a i­co­na le al­tre ap­pli­ca­zio­ni in cor­so. Se poi pos­sie­di un pro­iet­to­re col­le­ga­to al com­pu­ter, puoi go­der­lo i­nin­ter­rot­ta­men­te sul­la pa­re­te di una stan­za; e se sa­ran­no tan­ti a gi­ra­re sul pia­ne­ta, tan­to me­glio per tut­ti!

Fin dal­le 9 LET­TE­RE det­ta­te dal CRI­STO al mon­do in­te­ro nel 1998, con­te­nen­ti Sue ri­ve­la­zio­ni e di­ret­ti­ve per al­me­no i pros­si­mi due mil­len­ni, ai cri­stia­ni si ri­chie­de­rà di ri­co­no­scer­lo non per il cro­ci­fis­so, or­mai pas­sa­to, ma per la sua na­tu­ra di LUCE, che mas­si­ma­men­te e­ma­na pro­prio da que­sto sim­bo­lo; e lo stes­so prin­ci­pio si ri­flet­te­rà sui ca­pi­sal­di di tut­te le cre­den­ze re­li­gio­se.

Le pros­si­me mos­se
Qual­cu­no ama sca­ri­ca­re il vi­deo: non ser­virà a gran che. è solo un bre­ve fram­men­to, ri­pe­ti­ti­vo e qua­si vu­o­to e­ner­ge­ti­camente.
È la pro­ce­du­ra quel­la da far fun­zio­na­re! ed è gra­tu­i­ta e pu­li­ta.
Nel tem­po mi pro­pon­go di ar­ric­chir­ne qual­che op­zio­ne e­/o la ri­vo­lu­zio­ne; ho pre­so atto che al­cu­ne vo­ci si con­di­zio­na­no a vi­cen­da e a­dem­piu­to que­sto la­vo­ro for­se avrò mo­do di ri­pas­sar­le…
Po­trai ag­giornarla gra­tu­i­ta­men­te ad ogni nu­o­va ver­sio­ne; ne darò av­vi­so via Twitter (se se­gui @Astro_Time e mi con­tat­ti, an­che tra­mi­te un Mes­sag­gio Di­ret­to pri­va­to, o via e­mail).

Grazie per es­se­re giun­to/a fin qua;
que­sto sito è alle pen­di­ci del­lo Spirito!