ssssssnewshapeW Raffigurazione ed energia dello Sri yantra, meditare con THEORY – pag. 6
    6  ? gestione del testo

Questa animazione 3D del su­bli­me e su­bli­mi­na­le sim­bo­lo ce­le­ste è sta­ta con­ce­pi­ta per a­li­men­ta­re il pro­ces­so di me­di­ta­zio­ne.


Elettricità /Energia

La Completezza del­lo Sri Cha­kra:
 La For­ma di tut­te le for­me.


Lo Sri yan­tra con­tie­ne la bel­lez­za per ec­cel­len­za, in ter­mi­ni di ar­mo­nia ed e­qui­li­brio su­pre­mo, nel­la più po­ten­te ed i­nef­fa­bi­le del­le sin­te­si.
Si po­treb­be ar­go­men­ta­re che ad esso tut­te le ma­ni­fe­sta­zio­ni, e per­ciò le for­me pos­si­bi­li ten­da­no e si ri­con­du­cano.

Si suol dire che come man­da­la sia la ma­dre di tut­ti gli yan­tra; in re­al­tà si do­vreb­be dire che Es­so, e­spri­men­do la GENESI, è PA­DRE E MA­DRE di ogni al­tro yan­tra, o com­bi­na­zio­ne sim­bo­li­ca, po­i­ché tut­to con­tie­ne nel­la sua na­tu­ra­le e su­bli­me du­pli­ce sin­tesi.

Dalla sinergia del­le pro­prie­tà di ogni fi­gu­ra, ri­par­ti­te dal­le in­ter­se­zio­ni in 43 aree pri­ma­rie, na­sce in­fat­ti la me­sco­lan­za, em­b­lemati­ca e ma­te­ma­ti­ca, di tut­te le com­bi­na­zio­ni es­sen­zia­li al­l´e­si­sten­za.

Il fatto vi­ta­le da te­ne­re ben pre­sen­te quan­do si me­dita

Lezione di Cristo sul­la me­di­ta­zio­ne
– vedi il Tweet completo –
è che data la na­tu­ra del sim­bo­lo, e­vi­den­te­men­te di e­qui­li­brio e per­fe­zio­ne allo sta­to puro, ogni sua pos­si­bi­le rap­pre­sen­ta­zio­ne – in­te­sa a rac­chiu­der­ne ed e­spri­mer­ne il po­te­re vir­tua­le e so­stan­zia­le – non po­trà non ri­spet­ta­re al mas­si­mo tali re­qui­si­ti; ogni ap­pros­si­ma­zio­ne nel co­stru­ir­lo ne com­pro­met­te­reb­be l´in­te­ro as­set­to, in pri­mo luo­go e­ner­ge­ti­co.
A meno che si trat­tas­se di un me­ro si­mu­la­cro fi­si­co, pre­pa­ra­to per es­se­re vi­ta­liz­za­to ap­po­nen­do ne­gli spa­zi ap­pro­pria­ti i no­mi er­me­ti­ci di vere For­ze-En­ti­tà del­le qua­li, una vol­ta at­ti­va­te, es­so di­ver­reb­be un pos­si­bi­le ve­i­co­lo; ma que­sto è un a­spet­to pa­ral­le­lo, a mon­te del­la so­lu­zio­ne li­ne­a­re con una pro­pria va­len­za in­trin­se­ca og­get­ti­va; e co­mun­que non così dif­fu­so co­me si può cre­de­re; in o­gni ca­so un sup­por­to non pas­si­bi­le di trop­pe di­stor­sio­ni, in quan­to ogni tri­pli­ce in­ter­se­zio­ne i­ne­sat­ta non fa­reb­be che au­men­ta­re il nu­me­ro di 43 tri­an­go­li…

Detto ed ac­qui­si­to ciò, il ma­ra­sma di trac­cia­ti er­ra­ti – per lo più in modo gros­so­la­no ed in­co­scien­te, ma tal­vol­ta pur­trop­po co­nsapevole di brut­tu­re – non fa che ab­bas­sa­re il li­vel­lo vi­bratòrio che ac­com­pa­gna il sim­bo­lo, con con­se­guen­ze del tut­to ne­ga­ti­ve su chi lo a­dot­ta e lo con­tem­pla; co­sa di cui è im­por­tan­te ren­der­si con­sci.

Le va­rie­ga­te de­co­ra­zio­ni del­lo Sri Yantra

Non è opportuna l´ap­pli­ca­zio­ne di co­lo­ri, sfu­ma­tu­re, i­de­a­zio­ni de­co­ra­ti­ve di sor­ta, a­ven­ti ca­rat­te­re squi­si­ta­men­te u­ma­no ed ar­bi­tra­to da mode ed i­co­no­grafie di par­te; io stes­so e­sor­dii con un ten­ta­ti­vo di rap­pre­sen­tar­ne cer­te ca­rat­te­ri­sti­che, ma so­lo al pri­mo, sti­mo­lan­te ap­proc­cio, cioè il ten­ta­ti­vo di ri­co­stru­ir­lo – e com­pren­der­lo – op­por­tu­na­men­te a­dot­tan­do­lo a li­vel­lo il­lu­stra­ti­vo [fig. a lato] per la co­per­ti­na di un li­bro mol­to spe­cia­le [ISBN 978­-88­-904390­-7-0]… (al mo­men­to ri­ti­ra­to dal­la di­stribuzione).
Per non cita­re con­fi­gu­ra­zio­ni so­li­de, cur­ve o tri­di­men­sio­na­li, e­stro­sa­men­te ap­pli­ca­te ad un se­gno che di di­men­sio­ni ne ri­ve­ste cer­to più di tre… al­lo sco­po di pia­ni­fi­ca­re i­de­a­zio­ni con­tin­gen­ti e non ne­ces­sa­ria­men­te u­ni­ver­sa­li.

L´affi­na­men­to og­gi con­se­gui­to ci li­be­ra da tut­to que­sto, las­ciando in­ten­de­re che la pu­ra a­stra­zio­ne ge­o­me­tri­ca è la so­la in gra­do di tra­smet­te­re il si­gni­fi­ca­to i­ne­spri­mi­bi­le del Con­te­nu­to, che non può cer­to es­se­re e­sal­ta­to da co­lo­ri e for­me ter­re­ne.
Guarda la sua ro­ta­zio­ne nel­lo spa­zio più che puoi al­l´i­ni­zio, spe­ri­men­tan­do le di­ver­se op­zio­ni; in bre­ve tem­po – fos­se an­che solo per un at­ti­mo – po­trai per­ce­pi­re l´ar­mo­nia su­pre­ma che fil­tra come da Luce co­smi­ca, e/o co­glie­rai una sot­ti­le, tra­i­nan­te i­spi­ra­zio­ne tra­smes­sa dai Re­gni più alti; sof­fermarti an­che solo qual­che mi­nu­to ogni gior­no ti darà pre­sto pro­va in­con­fon­di­bi­le del­la sua so­len­ni­tà; e ir­ri­nun­cia­bi­le po­i­ché sen­ti­rai che ti fa­rà be­ne; e se poi ti ap­pa­rirà sem­pre più lim­pi­do e mo­tivato, sa­rà un buon se­gnale.
Tra gli a­spet­ti che an­co­ra oggi mi col­go­no di sor­pre­sa, è una ca­pa­ci­tà di i­spi­ra­re sen­sa­zio­ni dif­fe­ren­ti, come se ti tra­spor­tas­se in per­cor­si nu­o­vi, pur ruo­tan­do sem­pre allo stes­so modo.
Pre­pa­ra te stes­so­/a.

Come sia ra­zio­nal­men­te ­/o scien­ti­fi­camente pla­u­si­bi­le?

Que­sto in­ter­ro­ga­ti­vo del tut­to le­ci­to ha ri­por­ta­to alla mia me­mo­ria uno stu­dio spe­ri­men­ta­le nel qua­le mi sono im­bat­tu­to nel 2014, per via di una ri­cer­ca sul­le pro­ble­ma­ti­che con­nes­se al­l´al­te­ra­zio­ne del­la Ri­so­nan­za Schu­mann sul pia­ne­ta ed a par­ti­co­la­ri ver­set­ti del­l´A­po­ca­lis­se di Gio­van­ni.

È tut­t'o­ra am­pia­men­te de­scrit­to alla pa­gi­na viewzone.com­/schu­man.htmldi cui stam­pai una ver­sio­ne PDF (di­spo­ni­bi­le, in caso di per­di­ta) – in par­ti­co­la­re dal ¶.“The Ongoing Pro­ject” al ¶.“A De­mon­stra­tion, Please”, che sug­ge­ri­sce:

"Per con­dur­re un sif­fat­to e­spe­ri­men­to, po­si­zio­na­re un bic­chie­re di un li­qui­do a­ci­du­lo, come del vino o suc­co d'uva, da uno a tre pol­li­ci dal­la gra­fi­ca sul­lo scher­mo del tuo com­pu­ter per 30 fino a 60 se­con­di. Il let­to­re ri­co­noscerà fa­cil­men­te l´e­vi­den­te e mi­glio­ra­ta al­te­ra­zio­ne al­l´ol­fat­to, al gu­sto, al­l´u­mi­di­tà ed alla qua­li­tà del li­qui­do. Gli a­li­men­ti so­li­di pos­so­no an­che es­se­re te­sta­ti allo stes­so modo.
Que­sti test di o­do­re e gu­sto non so­no bar­zel­let­te o bu­fa­le. I test di o­do­re e gu­sto si ba­sa­no su ri­cer­che e me­to­di lo­gi­ci e scien­ti­fi­ci con ri­sul­ta­ti tan­gi­bi­li e re­a­li…"

La si può in­qua­dra­re come una ri­spo­sta più o meno di­ret­ta, ma è ef­fi­ca­ce: ho ef­fet­tua­to la pro­va con del the, di­vi­den­do in due taz­ze u­gua­li lo stes­so già zuc­che­ra­to e alla stes­sa tem­pe­ra­tu­ra, e non ho po­tu­to fare a meno di no­ta­re ri­pe­tu­ta­mente che il con­te­nu­to del­la taz­za po­sa­ta per uno o due mi­nu­ti di fron­te al di­splay su cui gi­ra­va THEORY in full scre­en, a­ve­va un sa­po­re più gra­de­vo­le, di cui la vi­va­ci­tà ar­ricchiva la per­ce­zio­ne del gu­sto al pa­la­to; scri­vendone lo ram­men­to sul­la lin­gua.
Pro­va­re è fa­ci­le, come lo è ri­pe­te­re la pro­va e... ‘se son ro­se fio­ri­ran­no’; men­tre se di sug­ge­stio­ne si trat­ta, es­sa non po­trà du­ra­re a lun­go!